EX COLONNELLO USA CHIEDE SCUSA PER LA BASE

Colonel_Wright-150x150

Durante il IV Seminario Internazionale per la Pace e l’abolizione delle Basi Militari Straniere, Ann Wright, attivista pacifista statunitense ed ex colonnello dell’esercito del suo paese, ha chiesto scusa al popolo cubano per l’occupazione illegale del territorio sul quale è inserita la Base Navale di Guantànamo. “Ci scusiamo per la continuazione della presenza della Base Navale degli Stati Uniti qui a Guantànamo, la prigione militare statunitense ha steso un’ombra scura sul nome della bella città di Guantànamo” ha affermato.

fonte: Fuera Base Naval Yanqui ! del 23 marzo 2016

 

UN BLOG CONTRO LA BASE

caimanera-territorio-mas-cercano-base-naval-guantanamo-030416

Si trova già tra i social network il blog contro la Base Navale di Guantànamo che gli USA mantengono illegalmente sul territorio cubano. Dalla piattaforma Reflejos, all’indirizzo http://fuera.cubava.cu/, si accede al portale, con articoli sulla storia di come gli Stati Uniti si sono impossessati della Caimanera, di come la Base è stata un focolaio di provocazioni e aggressioni, degli assassini di soldati, pescatori e  lavoratori. Nella prima settimana il blog ha avuto 13.000 visite.

fonte: Radio Rebelde del 4.04.16

 

I PAESI LATINOAMERICANI PER LA RESTITUZIONE DI GUANTANAMO

0000883287

I capi di Stato e di governo dell’America Latina. riuniti a Quito in Ecuador lo scorso 27 gennaio in occasione del IV Vertice della CELAC (Comunità degli Stati Latinoamericani e Caraibici) hanno chiesto agli USA la restituzione a Cuba del territorio occupato dalla Base Navale di Guantànamo, come elemento rilevante per il processo di normalizzazione delle relazioni tra Cuba e gli Stati Uniti.

 

da “Cubadebate” del 29 gennaio 2016

 

 

LA BASE COMPIE 113 ANNI

Il 23 feenmienda-plattbbraio 2016 l’illegittima Base Navale degli Stati Uniti a Guantànamo compirà 113 anni. E’ collocata nella migliore baia cubana e occupa uno spazio di terra e mare di 117, 6 Km  quadrati. E’ stata la prima base degli USA nell’emisfero latinoamericano, la più antica del mondo e l’unica per cui il paese in cui ha sede manca di potere di revoca unilaterale. Cuba infatti ha “sovranità” sul territorio occupato, ma la giurisdizione piena e il dominio li detiene il paese occupante.

da “Cubadebate” del 7 febbraio 2016